SARDEGNA, LA FILCA CHIEDE INTERVENTI IDRICI PER CONTRASTARE LA SICCITA’

Ufficio stampa Filca nazionale 30 agosto 2017

(di Giovanni Matta, segretario generale Filca-Cisl Sardegna)

Occorre, a giudizio della Filca Cisl Sarda,  una grande mobilitazione del Popolo Sardo con Lavoratori e Sindacati, Imprese e Associazioni, unitamente alle Istituzioni, per chiedere un cambio di passo della Regione nel definire gli interventi per contrastare il dramma della siccità che affligge la nostra isola. Sopratutto occorre scuotere dal torpore la Giunta Regionale che, rispetto all’ennesimo ripetersi del fenomeno siccitoso, continua ad assumere un atteggiamento messianico, rivolto verso il cielo, affinché attenui gli effetti di questa lunga e torrida estate. Manca solo che il Presidente della Giunta Regionale, o qualcuno in sua vece, in luogo dei rappresentanti dei vescovi sardi,  reciti l’orazione  “ad petendam pluviam”, pure necessaria, e che qualche esponente  del clero ha recentemente  invocato.

Ci domandiamo se sia solo la siccità la causa del disagio che tante comunità stanno affrontando  con la penuria d’acqua e che ha causato, secondo le stime della Coldiretti Sardegna, danni all’agricoltura sarda per un valore prossimo ai 6miliardi di euro. Oppure ci siano altre responsabilità. Negli ultimi 20 anni ci sono stati ben 9 Commissari Straordinari per l’emergenza idrica che non hanno saputo esercitare in modo esaustivo la missione loro affidata. Tant’è che nonostante i proclami le annate siccitose, che ciclicamente si ripetono, ci trovano regolarmente impreparati. Dal 1994 ad oggi gli impegni assunti sono stati regolarmente disattesi. Posto che principalmente l’approvvigionamento idrico si concentra per il 57% sulle acque superficiali, già da allora si decise di irrobustire il sistema degli invasi. Ancora oggi tre di questi attendono di essere realizzati, “Monti Nieddu”, “Cumbidanovu” e “S’allusia”. Per le prime due i lavori e le disquisizioni tecnico amministrative infinite  ne hanno ritardato la costruzione. Per la terza siamo solo alle chiacchiere. Si decise allora, con i capricci del clima già manifesti, di realizzare una robusta rete di dissalatori, prodotti da un’impresa sarda specializzata, lungo i territori costieri, in modo da affrancare quelle realtà a maggior sofferenza, dall’approvvigionamento dalle dighe, pozzi e sorgenti. Che ne è stato di quel programma? Già allora si calcolò  che un’abbondante quantità d’acqua, il 50% circa, immessa nel circuito distributivo, si perdeva nelle falle delle reti distributive. Bisogna agire con tempestività. Tanta è stata l’azione messa in campo che oggi vi sono punte del 74%  della risorsa in circolo che viene persa.

Secondo alcune stime, operate nel corso degli anni da alcuni Istituti,  con un investimento da un miliardo di euro si potrebbe sopperire con tranquillità ai tanti disagi che le cronache quotidianamente ci consegnano. Vieppiù, un simile piano d’intervento darebbe una boccata d’ossigeno al lavoro sardo. A quello edile ma non solo. Già questo basterebbe a indurre la politica sarda a dare prova di saggezza e di lungimiranza.  Ma essendo questa impegnata a rivolgere le proprie attenzioni ai prossimi impegni elettorali  occorre scuoterla con una mobilitazione ferma e decisa. 
La Filca Cisl è pronta.