SINDACATI UCRAINI, SOSTEGNO DELLA FETBB ALLA LOTTA PER L’INDIPENDENZA E LA DEMOCRAZIA

Claudio Sottile 10 Aprile 2014

Kiev Ucraina Grushevskogo st._Kiev_19.01.2014_1In seguito ad un’intervista rivolta al Presidente del Sindacato ucraino PROFBUD dalla EFBWW, la Federazione Europea dei Lavoratori delle Costruzioni e del Legno invia un messaggio di sostegno attraverso i suoi componenti il Presidium.

“Esprimiamo tutta la nostra solidarietà al popolo e ai lavoratori ucraini e al movimento sindacale ucraino – afferma Domenico Pesenti, Presidente EFBWW e Segretario Generale della FILCA – CISL,  in particolar modo alla Federazione delle Costruzioni e dei Materiali da costruzione PROFBUD, sostenendo l’iniziativa per una vera democrazia e per i diritti sociali dei lavoratori e cittadini, e condanniamo tutti i tipi di violenza usati che hanno causato molte morti sin dall’inizio della sommossa. Crediamo davvero che questo problema trovi una soluzione pacifica molto presto e che l’Ucraina possa decidere liberamente riguardo la sua candidatura per far parte dell’UE”.

Alain Clauwert, primo vice – Presidente EFBWW e Presidente dell’ACCG FGTB belga, ribadisce “il massimo sostegno alla lotta del sindacato ucraino PROFBUD  per migliorare significativamente la qualità del lavoro e le condizioni di vita dei suoi lavoratori. Il settore delle costruzioni in Ucraina ha bisogno di una solida base che sia libera dalla corruzione e dove i sindacati possano svolgere il loro ruolo in maniera indipendente. Vogliamo anche sostenere i sindacati ucraini nei loro sforzi per convincere il governo che i tagli delle pensioni e la riduzione di posti di lavoro nel settore pubblico e dei programmi di edilizia sociale non sono la risposta alle difficoltà di bilancio. Chiediamo a tutte le nostre organizzazioni affiliate in Europa a cooperare generosamente per la ricostruzione della sede sindacale (Trade Union House) di Kiev, che è stato bruciata dalla polizia antisommossa nel mese di febbraio scorso” .

“Sosteniamo con forza tutte le azioni della PROFBUD volte a costruire una società indipendente e libera da corruzione – conclude Zbigniew Janowski, secondo vice – Presidente EFBWW e Presidente del sindacato polacco Budowlani – ed esprimiamo il nostro apprezzamento per il coraggio e la determinazione dei membri del PROFBUD . A loro va la nostra solidarietà per le a  azioni finalizzate alla tutela dei diritti dei lavoratori nel processo di trasformazione democratica del Paese. La nostra esperienza ci insegna che la creazione di istituzioni democratiche libere e trasparenti non garantisce automaticamente un lavoro dignitoso e un’adeguata rappresentanza degli interessi dei lavoratori . La lotta per i diritti dei lavoratori guidati dai sindacati non finisce mai . Sosterremo PROFBUD in questa lotta!”.

—————————————————————————————————————————————–

Intervista rivolta a Vasyl Andreyev, Presidente del sindacato ucraino delle costruzioni e materiali da costruzione, PROFBUD.

UCRAINA, L’INTERVENTO DI PESENTI AL CONGRESSO DEL SINDACATO DELLE COSTRUZIONI

Vasyl Andreyev e Domenico Pesenti

D: Come ha influito e come influirà la rivolta sul movimento sindacale e sui lavoratori in Ucraina?

R:  Molti sindacalisti hanno sostenuto le azioni di protesta personalmente sin dal loro inizio con la loro presenza in piazza anche se non c’erano posizioni ufficiali da nessun sindacato ucraino. Comunque la nostra Federazione ha deciso di sostenere la protesta del popolo anche uscendo con delle dichiarazioni, non solo all’inizio della sommossa, ma anche quando  il clima si è fatto più caldo. E’ chiaro che i manifestanti non avevano bisogno solo di dichiarazioni e per questo siamo stati vicini a loro aiutandoli anche con cibo e vestiti. Penso che in una prospettiva a lungo termine la democratizzazione della società ci aiuterà nella gestione di un dialogo sociale significativo, e la nostra lotta per ottenere migliori condizioni di lavoro non sarà fermata solo per il fatto che qualche persona dal partito di governo possiede imprese di costruzioni – e nessun possibilità di tutelare i diritti dei lavoratori, perché non vengono applicate leggi in questo caso . Inoltre, l’ unico desiderio che abbiamo è di ristrutturare il settore delle costruzioni in Ucraina . Il settore deve essere “purificato” da tutti i regimi di corruzione che fanno del settore il più corrotto nell’economia ucraina. Dall’altro lato – in una prospettiva a breve termine, la crisi economica ha colpito i nostri posti di lavoro già da ora. Una fabbrica di vetro è stata fermata poiché i russi hanno raddoppiato il prezzo del gas naturale immediatamente, e più di 1000 lavoratori hanno perso il loro impiego in un minuto. Sono state colpite dallo stesso problema anche 14 cementerie. Così, i legami tra i mercati russi e ucraini sono abbastanza stretti, la Federazione russa ha molte possibilità di influenzare l’Ucraina .

D: Come è la situazione nelle diverse regioni del Paese per ciò che riguarda il sostegno per il nuovo governo?

R: Ci sono diverse valutazioni di questo problema . Forse fonti russe scrivono di un nuovo governo “illegittimo. Posso solo esprimere la mia sensazione e quello che vedo in ogni regione che visito o quando i miei colleghi mi chiamano per informarmi su cosa sta succedendo in queste regioni ( orientali , sud o regioni occidentali) . In ogni regione ci sono le amministrazioni regionali legittime e attive che collaborano con i governi locali e regionali. Non ci sono richieste ufficiali per dividere le regioni, ad eccezione della Crimea . Ci sono stati pochi casi di sequestro degli uffici del governo locale (soprattutto nei week-end ) –  ma dopo i negoziati , i manifestanti hanno liberato gli uffici del governo. E ‘ necessario ricordare che sì, ci sono diverse posizioni politiche tra la gente – ma il nuovo governo si propone di risolverle durante le prossime elezioni del 25 maggio, quando non solo sarà eletto il presidente, ma anche molti consigli locali  e sindaci.

Anche se prendiamo l’annessione della Crimea come il peggiore scenario di sviluppo politico, dobbiamo dire che la gente non aveva richiesto un “referendum”. Questo “referendum” è stato portato dalle truppe russe e dei loro protetti, che hanno rimosso i governi legali eletti nel 2010 (la maggior parte di essi rappresentano l’ex Partito al governo delle Regioni).

ucraina3D: Qual è la sua valutazione in merito alla Crimea ?

R: La società ucraina ha forti sentimenti e ha vissuto uno shock dall’annessione di questa parte dell’Ucraina per opera di 20 000 soldati russi . Ciò si è verificato durante la più grave crisi politica dall’indipendenza nel 1991. In primo luogo, i soldati hanno sequestrato gli edifici pubblici il 27 febbraio ed è stato firmato l’accordo tra i cosiddetti “rappresentanti neoeletti del popolo della Crimea ” e il presidente russo Putin, a Mosca il 18 marzo . Non voglio spiegare la nostra sensazione riguardo la prospettiva internazionale di questo fatto straordinario per la comunità internazionale . Posso dire che le persone in Crimea , soprattutto ucraini e tatari di Crimea , che sono minoranze (25% e , rispettivamente, il 20 % della popolazione ) al momento subiscono minacce dall’esercito russo e dai gruppi paramilitari creati dal Cremlino. Tutti gli immobili dei ” non cittadini” (quelli che non riceveranno passaporti russi nelle prossime settimane) verranno confiscati come tutti i beni dell’Ucraina, le proprietà di enti pubblici (compresi i sindacati) , ed anche le proprietà di imprese ucraine ostili sono state già confiscate. Le truppe russe hanno quasi totalmente bloccato il collegamento del continente ucraino con la Crimea , così per molte persone comincia a scarseggiare il cibo . Gli scaffali dei supermercati in Crimea sono quasi vuoti ; il sistema bancario è bloccato , il rublo russo sarà  la moneta ufficiale dalla prossima settimana . I nostri funzionari sindacali segnalano che i salari sono arretrati a causa del blocco delle banche da febbraio. I gruppi paramilitari hanno sequestrato anche il consiglio sindacale regionale in Crimea. Ci sono così tanti sviluppi spaventosi in Crimea ogni giorno –  adesso possiamo solo aiutare quelle persone che vogliono trasferirsi sulla terraferma. Più di 13.000 famiglie hanno già accettato (che ora non chiamiamo rifugiati) e 300 persone hanno chiesto, ai funzionari dell’UE in Polonia, asilo politico, secondo quanto riportato dai mass media.

D: Ci sono state accuse da parte di certa stampa che affermano che la rivoluzione è  stata organizzata o ci sono state infiltrazioni di persone di estrema destra . Qual è il tuo commento a riguardo?

Dobbiamo dire apertamente dire che ci sono stati e ci sono ancora organizzazioni di destra nel movimento rivolta . L’hanno organizzata loro? – NO! Poche centinaia di radicali di destra non possono organizzare milioni di persone. Le persone hanno protetto il loro diritto per le decisioni politiche , il diritto alla libertà di elezioni, diritti scomparsi dopo il 2010 , quando è stato eletto l’ex presidente Yanukovich .

C’è un intenso dibattito nella società in questo momento su come i politici di destra hanno creato un’immagine negativa della rivoluzione ucraina. Ma la maggior parte della popolazione, indipendentemente dal fatto che vivano ad Est o ad Ovest  dell’Ucraina , sono certi che questo non era un colpo di Stato nazionalista – è stata una rivoluzione anti-criminale, anti-corruzione che è stato avviato come una sommossa di massa pro-europea e dopo la violenza della polizia a novembre e a dicembre si è trasformata in qualcosa di diverso che ha totalmente cambiato il Paese .

Devo dire che ci sono molte prove di strani contatti tra politici di destra e il Cremlino e l’ex presidente Yanukovich . Visite segrete, flussi finanziari, contatti dei servizi segreti – ci sono molte prove che,  ad esempio il partito ” Svoboda ” ( nazionalisti ) o “la destra” ( come si fanno chiamare i radicali provenienti da diverse organizzazioni non- parlamentari nazionaliste) hanno alcune relazioni con il governo precedente e il russo FSB . Questo è ancora più evidente quando è possibile ricevere più velocemente informazioni e più consistenti di azioni della destra radicale ucraina da parte delle agenzie di informazione russe che dai  propri siti web locali dei radicali ….

La società ucraina è composta da 100  gruppi nazionali , dove ebrei e romeni , polacchi e ungheresi, tedeschi e greci devono assumersi la responsabilità per il nuovo stato, la società appena creata , e diventare governatori regionali (soprattutto nelle regioni orientali e del sud ) per rendere la situazione calma e pacifica. Questo deve venire attraverso discussioni sulle idee di destra , per giungere alla conclusione che non c’è posto per la destra nella sfera pubblica dell’Ucraina .

D: Quali sono gli ostacoli e quali le possibilità in un percorso verso l’integrazione nell’UE per l’Ucraina?

Ucraina R: Primo ostacolo – L’Ucraina è un paese abbastanza povero con l’economia corrotta per poter creare, nei prossimi anni , un Paese più o meno trasparente. L’Ucraina oggi (rigorosamente quattro mesi dopo il primo tentativo respinto da Yanukovich il 21 novembre ), ha firmato un trattato di associazione e pagato un grande prezzo per questo: più di 100 uomini e donne sono morti nella lotta, il prezzo di aggressione russa in Crimea e la minaccia di un ulteriore intervento militare russo in Ucraina orientale e meridionale (per mantenere l’Ucraina lontana dall’integrazione europea). Quasi tutti i cittadini in Ucraina credono che l’integrazione europea sia l’ unica via per creare un paese democratico , sociale e libero . Tutte le altre possibilità non sono importanti . L’Ucraina ha molte attività e settori che possono arricchire il mercato comune dell’UE, e pensiamo che la possibilità di allargare il perimetro UE in Ucraina sia veramente preziosa.

D: Di quale tipo di sostegno avete bisogno in questo momento dagli affiliati alla EFBWW?

R: Il sindacato ucraino PROFBUD  in questo momento ha bisogno di un sostegno solidale . Quello che voglio dire è che saremo lieti di incontrarvi nel mese di aprile nel corso di una visita che sarà organizzata dalla BWI. Questa missione di federazioni e sindacati internazionali ed europei sarà molto importante per mostrare la prospettiva internazionale ed europea della rete sindacale . Questo è ancora più importante in termini del nuovo accordo tra l’Ucraina e il FMI, dove operano il nostro nuovo governo con le idee liberali di austerità totale come una necessità per ricostruire l’economia . I sindacati ucraini stanno lottando per dimostrare al governo che il taglio delle pensioni e dei posti di lavoro nel settore pubblico,  così come l’eliminazione di programmi per la costruzione alloggi sociali porterà ancor più problemi del deficit di bilancio. Se questo sarà ascoltato dal FMI dall’ufficio CIS insieme alle Federazioni Sindacali Mondiali e quelle Europee – la nostra voce sarà cento volte più forte. Ma siamo anche grati per le piccole azioni di solidarietà che sono già lanciati dai sindacati danesi e svedesi a sostenere le nostre campagne specifiche di sindacalizzazione in diverse città dell’Ucraina. Sollecitiamo anche a tutti coloro che possono aiutare il movimento sindacale ucraino nella ricostruzione della casa sindacale a Kiev che è stata bruciata dalla polizia anti-sommossa il 19 febbraio – si tratta di un ente di beneficenza speciale fondato da tutti i sindacati ucraini.