SICUREZZA SUL LAVORO, PELLE: “OGGI 3 VITTIME NEI CANTIERI, IL GOVERNO ATTUI SUBITO GLI INTERVENTI ANNUNCIATI AI SINDACATI”

Ufficio stampa Filca nazionale 29 Settembre 2021
SICUREZZA SUL LAVORO, PELLE: “OGGI 3 VITTIME NEI CANTIERI, IL GOVERNO ATTUI SUBITO GLI INTERVENTI ANNUNCIATI AI SINDACATI”

“Anche oggi è una giornata di lutto nei cantieri italiani: un morto a Roma e due vittime in Puglia. Una scia di sangue che interessa tutto il Paese e sta assumendo proporzioni tragiche e intollerabili. Lunedì il premier Draghi, incontrando i vertici di Cgil, Cisl, Uil, ha annunciato un giro di vite per porre fine a questo dramma: non si perda altro tempo e si mettano subito in pratica gli interventi previsti, non è più accettabile assistere alle stragi quotidiane nei cantieri e in tutti i luoghi di lavoro”. Lo ha dichiarato Enzo Pelle, segretario generale Filca-Cisl, commentando gli incidenti all’Eur a Roma, sull’A14 e a Mesagne, in provincia di Brindisi. “Tra i provvedimenti comunicati dal Governo – spiega Pelle – c’è la costituzione di una banca dati centrale per gli infortuni, con l’obiettivo di arrivare alla Patente a punti, un cavallo di battaglia della Cisl. Inoltre sarà rafforzato il potere di sospensione delle attività nelle aziende che non rispettano la normativa, per dare la possibilità all’azienda di mettersi a norma. Da ultimo il Governo ha garantito che sarà accelerata la procedura per l’assunzione dei 2mila nuovi ispettori del lavoro annunciati dal ministro Andrea Orlando nei mesi scorsi. Si tratta di interventi che noi chiediamo da anni, e che ora è necessario trasformare in azioni concrete in tempi rapidissimi. Solo nelle costruzioni le vittime dall’inizio dell’anno sarebbero un centinaio, ma è difficile fare una stima precisa anche perché in molti casi ci troviamo di fronte al cosiddetto dumping contrattuale, con l’applicazione di un contratto diverso da quello edile. Infine stiamo riscontrando una crescita dell’età media delle vittime: questo fenomeno deve spingere il Governo a una riforma delle pensioni che preveda condizioni ancora più favorevoli per gli edili”, ha concluso il segretario generale della Filca.