SCELFO: “RAPPORTO SU RICICLAGGIO DIMOSTRA CHE L’EDILIZIA RESTA SETTORE A FORTE RISCHIO”

Filca nazionale 14 Luglio 2015
SCELFO: “RAPPORTO SU RICICLAGGIO DIMOSTRA CHE L’EDILIZIA RESTA SETTORE A FORTE RISCHIO”

“Il Rapporto 2014 dell’Unità Informazione Finanziaria (Uif) di Bankitalia sul riciclaggio, presentato ieri, ha confermato che tra i settori particolarmente esposti al rischio di infiltrazione da parte della criminalità organizzata ci sono l’edilizia ed il movimento terra. È per questo che da anni chiediamo un giro di vite radicale nel comparto, per allontanare la criminalità e garantire la legalità e la trasparenza nel settore, che interessa centinaia di migliaia di lavoratori ed è di vitale importanza per l’economia del Paese, rappresentando circa l’11% del Pil”. Lo ha dichiarato Salvatore Scelfo, segretario nazionale della Filca-Cisl e Responsabile del Dipartimento Legalità e Ambiente della categoria.

“La crisi economica, che in edilizia è stata devastante con la perdita di 800mila addetti dal 2008 ad oggi, ha offerto ampie opportunità alla criminalità di consolidare la propria presenza nel tessuto economico delle costruzioni. La criminalità, inoltre, facendo incetta di gare con il massimo ribasso ha ammazzato il mercato, mettendo in ginocchio aziende serie e strutturate. Passare al sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa, e soprattutto adottare in tutte le province l’obbligatorietà dell’iscrizione, per le imprese edili, nelle cosiddette white list, gli elenchi nati per le verifiche antimafia negli appalti della filiera dell’edilizia, rappresentano un primo importante passo verso l’affermazione della legalità e della regolarità nel settore, a tutto vantaggio dei lavoratori, delle aziende virtuose e della collettività”, ha concluso Scelfo.