PESENTI: “EDILIZIA A PICCO, GOVERNO PRENDA A CUORE IL SETTORE”

Filca nazionale 8 Luglio 2014

“I dati diffusi dall’Osservatorio congiunturale dell’Ance sono la conferma della tendenza negativa del settore delle costruzioni anche nel 2014, nonostante qualche timido segnale di ripresa. Le uniche note positive del comparto arrivano dai bonus fiscali per le ristrutturazioni, ma se non si rendono strutturali sono destinati ad esaurire ben presto la loro efficacia”. Lo ha detto Domenico Pesenti, segretario generale della Filca-Cisl, commentando i dati del Centro studi dei costruttori, che prevedono un calo del 2,5% degli investimenti in costruzioni nel 2014. “Il governo deve prendere a cuore il tema dello sviluppo e del rilancio dell’edilizia, perché rilanciare il settore vuol dire rilanciare l’economia del Paese. L’edilizia, infatti, rappresenta una fetta importante della ricchezza nazionale, circa il 10% del Pil, ma sta pagando un prezzo altissimo alla crisi, con 750mila posti di lavoro persi dal 2008. Bisogna che l’esecutivo pianifichi e metta in pratica una seria politica delle infrastrutture, con interventi mirati per le case, le scuole, il territorio. Quest’ultimo va messo in sicurezza per evitare che si ripetano devastazioni in tutta Italia, come sta accadendo proprio oggi a Milano. Per gli interventi nelle scuole, infine, le intenzioni sono nobili ma i ritardi nell’aprire i cantieri rischiano di vanificare tutto, se non ci saranno interventi celeri e strutturali. Il rischio – ha concluso Pesenti – è che ci si limiti agli interventi a spot”.