EDILIZIA, NELLA CAPITALE PERSI 10MILA POSTI IN DUE ANNI

Amedeo Ciotti 26 Ottobre 2012
EDILIZIA, NELLA CAPITALE PERSI 10MILA POSTI IN DUE ANNI

“Regna la paura nel settore edile a Roma. I dati sono drammatici: negli ultimi due anni sono state 1171 le imprese fallite, oltre duemila negli ultimi 5, e 10 mila gli operai che hanno perso il posto di lavoro, 18 mila negli ultimi 5 anni”. Lo afferma il segretario generale della Filca Cisl di Roma e provincia, Andrea Cuccello.

“Siamo di fronte – aggiunge – a numeri che spaventano e che sono il segno della crisi profonda che sta attraversando il settore delle costruzioni, quello che sta pagando maggiormente in termini occupazionali, sociali ed economici la recessione economica del Paese. In più – precisa Cuccello – se consideriamo che negli ultimi dati presentati dal presidente dell’Associazione dei Costruttori Romani emerge che sono diminuite di 13 milioni le ore lavorate dal 2007, che il ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni è aumentata in 5 anni da un milione 315 mila ore a 4 milioni di ore, oltre il 300% di ore, il quadro negativo è completo, con l’aggravio del dilagare dell’illegalità, dell’irregolarità e della mancanza di risorse”.
Per il responsabile della Filca Cisl, si tratta di “numeri che testimoniano il momento di grave crisi dell’ edilizia a Roma che potrebbe agevolare i tentativi di infiltrazioni criminose”.