Cambia lingua: Italiano
CIG IN DEROGA, A PALAZZO CHIGI IL TAVOLO CON LE PARTI SOCIALI

CIG IN DEROGA, A PALAZZO CHIGI IL TAVOLO CON LE PARTI SOCIALI

Dopo il presidio di Cgil, Cisl, Uil davanti alla Camera, fissato incontro per lunedì o martedì della prossima settimana. Oggi intanto confronto al ministero dello Sviluppo economico con i rappresentanti di Toscana e Piemonte sulla scadenza degli ammortizzatori

Il tavolo sull’emergenza delle risorse per finanziare la cassa integrazione in deroga per il 2013 si sposta a Palazzo Chigi agli inizi della prossima settimana. Questo il risultato dell’incontro che il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, ha avuto con i sindacati e le imprese.
“Chiederò a Monti e a Grilli – ha detto il ministro, secondo quanto si apprende – una riunione da mettere in calendario per lunedì o martedì per esaminare il problema dettato dall’emergenza per il finanziamento della cassa in deroga”. Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto al governo di dire oggi, nell’incontro che si è svolto nel pomeriggio tra le parti sociali ed il ministro del Lavoro, l’ultima parola sulle risorse che sarà possibile mettere in campo per finanziare la Cig in deroga.
“Nell’incontro con il Ministro Fornero – ha spiegato il segretario confederale Cisl Luigi Sbarra – abbiamo chiesto con urgenza lo stanziamento di almeno 1,5 miliardi di euro per finanziare gli ammortizzatori in deroga in scadenza nelle prossime settimane. Queste sono le risorse necessarie per poter garantire un sostegno al reddito a tutte le famiglie coinvolte fino a fine anno per disinnescare una vera e propria bomba sociale”. “La stima – ha aggiunto il sindacalista – è basata sulla spesa dello scorso anno e sull’evoluzione negativa della situazione economica. Tutte le parti sociali presenti all’incontro, preso atto dell’emergenza, hanno chiesto al ministro Fornero di spostare il tavolo presso la presidenza del Consiglio anche alla presenza del Ministro dell’economia. Complessivamente, siamo delusi dall’insensibilità che il Governo sta dimostrando verso un’emergenza sociale di tali dimensioni, che coinvolge oltre 500 mila lavoratori”.
Ogg intanto incontro Ministero dello Sviluppo Economico tra sindacati, Regione Piemonte e Toscana e funzionari del Ministero per discutere della scadenza della cassa integrazione per 1.050 lavoratori prevista il 4 luglio. E domani sciopero regionale in Piemonte anche sull’emergenza sociale e sanitaria.