CCNL LEGNO/LAPIDEI ARTIGIANATO, PROSEGUE LA TRATTATIVA

Ufficio stampa Filca nazionale 13 marzo 2013
CCNL LEGNO/LAPIDEI ARTIGIANATO, PROSEGUE LA TRATTATIVA

Prosegue la tratattiva per il rinnovo del Ccnl legno/lapidei Artigianato. Nel corso dell’ultimo incontro, tenutosi l’8 marzo scorso, sono stati affrontati i seguenti punti:

– Osservatorio/Comitato paritetico nazionale: le associazioni artigiane hanno accolto le proposte dei sindacati di categoria Filca, Feneal e Fillea. Si è definito il numero dei componenti del comitato paritetico; l’osservatorio effettuerà anche il monitoraggio rispetto ai compiti affidatigli;

– Relazioni sindacali/responsabilità sociale dell’impresa: accolta la richiesta di inserire nell’art. 4 Relazioni sindacali, la possibilità di incontrarsi almeno due volte l’anno sia a livello nazionale che a livello decentrato. E’ stato inoltre consegnato alle controparti datoriali il testo sulla responsabilità sociale dell’impresa;

– Mobbing/Molestie sessuali: accolte le richieste dei sindacati;

– Trattamento malattia/Infortunio: accolte le proposte di modifica in relazione alla consegna dei certificati medici. In merito alla conservazione del posto sino a guarigione clinica per malattie gravi, al prossimo incontro i sindacati presenteranno un testo;

– Apprendistato: in merito alla durata dell’apprendistato professionalizzante, le associazione  artigiane hanno chiesto, per i livelli più bassi,  di portare la durata per alcuni profili professionali da individuare a 3 anni. I sindacati hanno dichiarato la propria disponibilità ad entrare nel merito, e nel contempo è stato ribadito che per gli altri livelli c’è la disponibilità a valutare quelle durate nel contesto complessivo del rinnovo del CCNL. Stessa cosa per quanto riguarda la retribuzione. E’ stata accolta l richiesta di inserire il tutor, ed è stato deciso che le ore di formazione per i lavoratori a part-time non saranno riproporzionate in funzione dell’orario di lavoro. I sindacati hanno poi ribadito che non si condivide l’apprendistato in cicli stagionali. Per quanto riguarda i piani formativi individuali Filca, Feneal e Fillea hanno dato disponibilità a che i “dettagli” possano essere definiti anche successivamente entro e non oltre 60 giorni dall’assunzione. In merito a eventuali profili professionali non previsti dall’Isfol, ecc. è stato precisato che devono esser le parti che si incontrano per definirli. I sindacati hanno riproposto l’introduzione della percentuale di conferma proponendo il 30% per le imprese sino a 10 dipendenti e 50% per quelle superiori.  Le distanze su questo punto sono notevoli;

– Contratti a tempo determinato: per le sostituzioni ecc, è stato precisato che le assunzioni a termine possono avvenire qualora si superino i 20 giorni lavorativi di assenza. In merito al contratto a termine e prima missione,  senza causali per 12 mesi non prorogabili e che gli stessi si computino nei numeri previsti al punto b, hanno  condiviso la proposta dei sindacati (riservandosi una risposta sulla missione) rinviando al secondo livello la possibilità di non computarli. In merito all’esenzione da limiti quantitativi legati allo start up le controparti hanno proposto una durata pari a 15 mesi, i sindacati hanno proposto 12 mesi e che la contrattazione regionale può ampliarne la durata; inoltre hanno chiesto di inserire al punto d) che si computino anche i periodi effettuati in somministrazione ai fini del calcolo dei 36 mesi. In merito alla riduzione del periodo di intervallo tra un contratto a termine e l’altro, è stato ribadito che non c’è la disponibilità delle organizzazioni sindacali a eliminare gli intervalli per le sostituzioni;

– lavoro intermittente: nonostante nel precedente incontro i sindacati avessero dichiarato la loro contrarietà a questa tipologia di impiego, le associazioni artigiane hanno presentato un testo sul quale è stata ribadita la contrarietà di Filca, Feneal e Fillea, poiché il lavoro somministrato può tranquillamente far fronte a quelle esigenze.

I  prossimi incontri si terranno:

– 28 marzo (inizialmente previsto per il 27) – con inizio alle ore 14.00 (presso la Confartigianato, Via San Giovanni in Laterano, 152 – Roma)

– 10 aprile – con inizio alle ore 10.00  (presso la  CNA Via Guattani, 13  – Roma)

– 16 aprile  – con inizio alle ore 10.00  (presso la  Confartigianato, via San Giovanni  in Laterano, 152 – Roma)