RLS ed RLST

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) è la figura “istituita” con Decreto Legislativo 626/94 e rafforzata con il Decreto Legislativo 81/08 per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro. Ha il diritto di accedere nei luoghi in cui si svolgono le lavorazioni e di essere consultato e informato sulla valutazione dei rischi, sulle azioni preventive e sulla loro verifica, sulla segnalazione degli addetti al servizio di prevenzione, sull’organizzazione della formazione specifica.

Il RLS è anche chiamato a promuovere le misure di prevenzione idonee, a formulare osservazioni durante le visite delle autorità competenti (alle quali può anche ricorrere nel caso non ritenga idonea l’attività di prevenzione del datore di lavoro).

Laddove i lavoratori non vogliano eleggere/designare un proprio Rappresentante si può ricorrere al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale (RLST), anche questa figura prevista dal Decreto Legislativo 81/08 all’Art. 48 e recepita nel CCNL Industria del 18.06.08.

L’RLST è una figura altamente specializzata che opera a tempo pieno e non dipende da nessuna azienda e quindi non è condizionabile. Rappresenta quindi una possibilità di intervento competente ed efficace sul versante della prevenzione.

L’RLST non è un tecnico della sicurezza ma un sindacalista che rappresenta i lavoratori su questo fronte. È una forma di rappresentanza in piena espansione: sono già attive una trentina di strutture territoriali con un RLST operante e di altrettante è prevista l’attivazione.