TECNOPOLO BOLOGNA, 30 EDILI DELLA FRIMAT SENZA STIPENDIO

Ufficio stampa Filca nazionale 23 Luglio 2020

“30 lavoratori edili della società Frimat sono rimasti senza stipendio: non hanno ricevuto l’ultima mensilità, né tredicesima e Tfr, vantano oltre 50 mila euro di crediti, con somme che vanno dai mille ai tremila euro a persona”. Lo denuncia Gaetano Lombardo, segretario generale della Filca-Cisl di Bologna. Frimat era la capofila nei lavori di realizzazione del Data center del Centro meteo europeo del Tecnopolo, poi sostituita dalla bolognese Site. “Nell’avvicendamento delle due aziende una trentina di lavoratori ha perso il posto – prosegue Lombardo – e a questi si aggiungono circa 20 persone rimaste a casa durante il lockdown e non ricollocate. “Nell’ultima riunione – spiega il segretario della Filca bolognese – abbiamo chiesto alla Regione di prendere un impegno, di darci qualche risposta, ma per ora la situazione è bloccata”. Sembra che non manchi la volontà di risolvere la questione, ma che ci sia un contenzioso in atto con la Frimat. Ma ad oggi a pagarne le conseguenze sono soltanto i lavoratori.