Cambia lingua: Italiano
NATUZZI, SI SUSSEGUONO GLI INCONTRI PER DARE SEGUITO ALL’ACCORDO

NATUZZI, SI SUSSEGUONO GLI INCONTRI PER DARE SEGUITO ALL’ACCORDO

Dopo la rinuncia della prima newco sono in corso colloqui con altri due imprenditori

Si susseguono senza sosta (e non senza difficoltà) gli incontri istituzionali per dare seguito all’accordo di ottobre scorso sulla Natuzzi, che ha scongiurato la mobilità per 1.726 dipendenti del Gruppo di Santeramo in Colle (Bari), leader nella produzione di divani ma in profonda crisi da anni. Ieri, nel corso di un vertice tenutosi presso il ministero dello Sviluppo economico, le parti hanno approfondito due temi in particolare: le iniziative di nuova industrializzazione dei siti dismessi ed il miglioramento della produttività aziendale. Sul primo tema l’ha fatta da padrona la notizia che l’azienda “News” (acronimo dei quattro punti cardinali), la prima newco che avrebbe dovuto assumere una parte dei dipendenti della Natuzzi in esubero (tra le 100 e le 120 unità) avrebbe rinunciato all’operazione. “La Direzione della Natuzzi – dichiara il segretario nazionale della Filca-Cisl, Paolo Acciai – ha comunicato che dopo la rinuncia dell’imprenditore, che era stato individuato per l’avvio delle produzioni oggi eseguite in Romania, sono comunque a buon punto i colloqui con altri due imprenditori. È stata comunque confermata l’intenzione di trasferire attività e lavoratori entro la scadenza prevista dall’accordo. Inoltre – prosegue Acciai – gli advisor incaricati di ricercare nuove iniziative imprenditoriali, hanno comunicato che due piccole aziende stanno elaborando progetti di investimento che potrebbero occupare fino a 75 persone. Per quanto riguarda il miglioramento della produttività – spiega il segretario nazionale della Filca-Cisl – azienda e sindacati hanno definito un calendario di trattative molto serrato con l’obiettivo di raggiungere un accordo che aiuti a raggiungere, insieme alle previste riorganizzazioni aziendali, gli obiettivi di costo previsti nel Piano industriale”. Il ministero dello Sviluppo economico ha preso atto dello stato di avanzamento dei processi di reindustrializzazione ed ha sollecitato una accelerazione del lavoro per recuperare i ritardi accumulati. La prossima riunione della “cabina di regia” Natuzzi si terrà mercoledì 12 giugno prossimo sempre presso il Mise.