LOMBARDIA, FIRMATO PROTOCOLLO PER LA SICUREZZA E LA REGOLARITA’ NEI CANTIERI

Ufficio stampa Filca nazionale 15 maggio 2018

Un nuovo strumento per contrastare le irregolarità nei cantieri: il sistema informatico delle Cassa Edili acquisirà e gestirà, oltre ai dati relativi alle notifiche preliminari anche i dati relativi agli interventi edili comunicati ai Comuni lombardi.

Grazie al Protocollo firmato oggi da ANCE Lombardia, FENEAL UIL Lombardia, FILCA CISL Lombardia e FILLEA CGIL Lombardia e ANCI Lombardia, si avvierà una nuova fase sperimentale capace di implementare il sistema informatico regionale delle Casse Edili che consentirà di arricchire le banche dati regionali permettendo una più stringente mappatura degli interventi edili realizzati sul territorio.

L’accordo sottoscritto oggi, presso l’Associazione regionale dei costruttori lombardi, completa il percorso avviato dal Protocollo firmato con Regione Lombardia che apriva al Sistema paritetico lombardo delle costruzioni l’acquisizione dei dati relativi alle notifiche preliminari on line relative all’avvio di nuovi cantieri.

Si aggiunge un nuovo importante tassello per la costituzione di banche dati sempre più dettagliate, coordinate, complete e aggiornate: la rete delle Casse Edili, presente su tutto il territorio, senza aggravare sulle attività dei Comuni, potrà acquisire i dati relativi agli interventi comunicati ai Comuni consentendo, quindi, l’integrazione delle informazioni dei diversi database. Sarà istituita una “cabina di regia” che avrà il compito di selezionare un primo gruppo di Comuni con i quali verificare l’efficacia della nuova sperimentazione per una successiva implementazione e diffusione su scala generale.

L’accordo firmato esprime l’impegno della società civile e delle Istituzioni nell’attuazione di politiche che perseguano l’obiettivo di garantire livelli sempre più alti di regolarità e sicurezza nei cantieri edili lombardi, individuando le imprese che, pur eseguendo lavorazioni edili, applicano contratti collettivi non coerenti con tali attività e che quindi sfuggono alla rete della formazione e della sicurezza assicurata dalla Bilateralità edile.