Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, Furlan: “Occorre diffondere la cultura del rispetto della persona”

Ufficio stampa Filca nazionale 27 Novembre 2019

“Dovrebbe far parte dei processi educativi e della cultura civica di un paese avanzato e moderno come l’Italia, spiegare che il rispetto reciproco tra uomini e donne è il fondamento di una comunità. Il principio della parità deve essere trasmesso ed inculcato fin dall’adolescenza. Questo è uno dei compiti che la scuola italiana deve assumere come una priorità”.  Così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan dalle pagine de ‘Il Quotidiano Nazionale’ nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne che ricorre oggi. “Non bisogna avere tentennamenti nei confronti di chi maltratta ed umilia le donne – sottolinea ancora la leader della Cisl ricordando che “la violenza si annida anche nel mondo del lavoro, nelle frustrazioni di una precarietà infinita, nel divario salariale, nell’imposizione del lavoro domenicale o dei part- time alle donne in tante aziende piccole e grandi. La contrattazione può fare molto per affrontare questi problemi. Abbiamo siglato accordi importanti con tutte le associazioni imprenditoriali, anche a livello europeo, contro le molestie, i ricatti, le persecuzioni nei confronti delle donne. Sono accordi che vanno rispettati perché non stiamo parlando di un fenomeno marginale nella nostra società. Si fa fatica a far passare il concetto che il lavoro rimane la prima forma di emancipazione per le donne.” 

“Sono tantissime le iniziative e le manifestazioni in tante citta’ italiane in questi giorni a cui partecipa la Cisl contro tutte le forme di violenza, intimidazione e discriminazione nei confronti delle donne. E’ giusto mobilitarsi” ha dichiarato ieri in vista della Giornata contro la violenza sulle donne citando alcuni dati: “Oltre 6 milioni  in Italia le donne che hanno subito violenza almeno una volta nella vita. Rappresentano in numero la somma della popolazione di Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo messe insieme, di cui la maggior parte consumate tra le mura domestiche e che, in molti casi, sono state vissute in presenza di bambini e bambine. Sono dati davvero impressionanti. Un dramma nel dramma” .

“Non bastano dunque gli slogan o la fredda denuncia”  prosegue Furlan ribadendo che “anche il sindacato può fare molto attraverso la contrattazione per prevenire le forme di discriminazione sessuale e tutelare la donna in ogni ambito della vita civile”.  E  fa di nuovo riferimento ai tanti accordi  raggiunti dal sindacato in questi anni “per supportare le vittime di violenza e di molestie nei posti di lavoro. Bisogna far applicare questi accordi in modo da tutelare la dignità delle donne, la loro autonomia decisionale, accompagnarle a ricostruire la loro vita”.

Ma per la leader della Cisl occorre, soprattutto, ripartire dalla cultura, dai processi educativi, fin dalla primissima infanzia. “Il principio della parità e del rispetto tra uomini e donne deve essere trasmesso ed inculcato fin dall’adolescenza, con la dovuta formazione – ribadisce-. Questa è la strada giusta ed una battaglia che vede la Cisl in prima fila ed alla quale non faremo mai mancare il contributo del sindacato. Serve un piano straordinario per l’occupazione femminile, cosi come restiamo in attesa dell’approvazione dei decreti attuativi che rendano effettivamente operativa la legge a tutela dei minori orfani di femminicidio e la ratifica della Convenzione e Raccomandazione ILO contro le molestie e la violenza nei luoghi di lavoro in tutto il mondo, sostenuta con forza dal sindacato a livello internazionale e che rappresenta, se concretamente applicata, un traguardo di civiltà per tutti. Dobbiamo vincere questa sfida con l’impegno delle istituzioni, delle espressioni della società civile, di tutti i cittadini, attraverso un lavoro comune che renda tutti responsabili e protagonisti. Per non lasciare che la violenza spenga il sorriso di tante donne”.

 “Tolleranza zero alle molestie e alla violenza sul lavoro” lo slogan scelto dalla Cisl per questa Giornata Internazionale, per sottolineare che “ogni forma di prevaricazione sul lavoro non è più tollerabile, ovunque essa avvenga, in ogni angolo del pianeta, in linea con i principi e i contenuti nella nuova Convenzione e Raccomandazione ILO in materia, che tutto il sindacato internazionale ha sostenuto e promosso e che ora si chiede alla politica di condurre presto a ratifica.

Per la Cisl ed il sindacato tutto, “il cui contributo rimane fondamentale per far fronte a questo drammatico fenomeno in tutte le sue più subdole espressioni “la strada da percorrere per combattere questi fenomeni, dal femminicidio alla tratta e allo sfruttamento sessuale, dagli stereotipi di ordine culturale alla violenza e alle molestie nei luoghi di lavoro, resta lunga e in salita, ma è una strada che stiamo attraversando con convinzione e dedizione ottenendo risultati positivi in termini di sensibilizzazione, orientamento dell’azione istituzionale, ascolto e presa in carico delle vittime che riconoscono nel sindacato e nella rete di sportelli che lo stesso sta strutturando su tutto il territorio nazionale una possibile via d’uscita dal “buio” della violenza.  Intenso è l’impegno profuso dal sindacato per questa giornata con iniziative e seminari in tutto il territorio nazionale”.

E in un Volantino unitario,  Cgil Cisl e Uil all’insegna dell’hashtag #VIOLENZAMAI sottolineano come il 25 novembre sia per le tre confederazioni l’occasione per rilanciare e radicare il loro impegno a  partire dalla contrattazione:  

“La violenza maschile contro le donne – si legge nel Volantino  –  è un male antico e trasversale che interessa tutto il mondo e deve essere sradicato, garantendo così a tutte le donne il diritto alla libertà e alla dignità. La violenza contro le donne, come ci dicono le statistiche più accreditate, viene esercitata in tutti i contesti in cui si articola il nostro vivere civile, da quello familiare a quello sociale, dalla politica ai luoghi di lavoro. Soprattutto laddove si utilizzano i rapporti gerarchici, la precarietà, l’incertezza sulle prospettive di lavoro, si somma violenza a violenza. Così come quando il linguaggio, la cronaca, colpevolizza o trova giustificazione ai comportamenti violenti contro le donne che sono già vittime, si attua una seconda violenza rappresentativa di una società che sta degenerando. La violenza non si deve legittimare MAI! Il sindacato è sempre più impegnato nella lotta contro le molestie e la violenza nei luoghi di lavoro, per definire con chiarezza che molestie e violenza non sono parte del lavoro. Il recepimento dell’Accordo Quadro Europeo, prima insieme a Confindustria e poi con le altre associazioni datoriali, ci ha fornito strumenti nuovi per operare in questa direzione nella consapevolezza della complessità di tale compito, della sua peculiarità della violenza nei contesti produttivi: difficoltà delle vittime a raccontare, paura di non essere credute e timore di ritorsioni. Dobbiamo quindi fare ancora molta strada, realizzare una vera rivoluzione culturale, che renda tutti consapevoli, che RISPETTO e relazioni sane migliorano la vita di tutti e tutte. Un cambiamento culturale che si esercita anche sul piano legislativo e nella contrattazione. Infatti in questi anni abbiamo conquistato, grazie alla mobilitazione delle donne, convenzioni ed accordi importanti. La convenzione di Istanbul, ratificata dal nostro Paese, contiene principi fondamentali a partire dal definire la violenza, e come la si contrasta. Chiediamo che venga effettivamente applicata. È compito nostro ora, attraverso la contrattazione, creare ascolto, attenzione, sostegno, rispetto e riconoscimento della parola femminile dei diritti delle donne senza sconti. Nel giugno di quest’anno poi, abbiamo conquistato, dopo molti anni di impegno, la Convenzione 190 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro e la relativa Raccomandazione. Certo va sottolineato che molte associazioni di impresa non l’hanno approvata, ma questo non ci deve fermare, anzi ci impegna ancor di più nel rivendicare la rapida ratifica della convenzione da parte del nostro Paese, e nel determinare i provvedimenti necessari a partire dal riconoscimento delle molestie sessuali come reato. Per questo per noi il 25 novembre e’ l’occasione per rilanciare e radicare il nostro impegno a partire dalla contrattazione. #VIOLENZAMAI!”  concludono Cgil, Cisl, Uil.