CHIUSURA E45 PER RISCHIO COLLASSO VIADOTTO, FILCA AREZZO: “METTERE SUBITO IN SICUREZZA LA STRUTTURA”

Ufficio stampa Filca nazionale 16 Gennaio 2019

Foto dal sito lettera43.it

“Questa mattina abbiamo appreso, che su disposizione del Gip Piergiorgio Ponticelli, operatori Anas e
carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della Procura di Arezzo, hanno provveduto a chiudere un tratto di E45 a cavallo tra Toscana e Romagna. Il provvedimento sarebbe dovuto al verificarsi di una “criticità estrema”, ovvero dalla relazione tecnica svolta su richiesta della Procura sarebbe emerso il pericolo di collasso del viadotto Puleto. Aspettavamo questa notizia da tempo visto che lo stato di degrado della struttura manifestava tutta la sua pericolosità”. Lo dichiarano Serafino Marino e Gilberto Pittarello della Filca Cisl di Arezzo. 

“Come Filca non abbiamo mai smesso di seguire l’evolversi della situazione denunciando nelle sedi opportune la situazione di pericolo. Arrivare a chiudere un tratto di strada così importante per il
collegato viario nord-sud del Paese significa, proseguono dalla Filca, aver agito in tutti questi anni con estrema superficialità – affermano i sindacalisti – Superficialità che avrebbe potuto avere ben tragiche
conseguenze stando a quanto recita la perizia svolta dai tecnici Fabio Canè e Antonio Turco; perizia che ha mostrato come ci fosse un “concreto pericolo di crollo” della struttura. Lo stesso tratto, un
anno fa, l’11 febbraio scorso, fu interessato da un cedimento di una scarpata, con il parziale crollo di una piazzola. Da quel momento la Procura di Arezzo ha esteso gli approfondimenti a tutto il tratto”.

“Ora – concludono Marino e Pittarello – si metta subito mano alla riqualificazione e messa in sicurezza dell’intera struttura e nel contempo si dia corso ad una sistematica manutenzione che monitori in
tempo reale le condizioni di tutta la E45 e di tutta la rete viaria italiana”.