APPALTI, TURRI: “SOSPENDERE IL CODICE APPALTI PER SBLOCCARE IL PAESE? E’ COME SOSPENDERE IL CODICE DELLA STRADA PER ELIMINARE IL TRAFFICO!”

Ufficio stampa Filca nazionale 7 Aprile 2021

“Proporre la sospensione del Codice degli Appalti per sbloccare il Paese è un po’ come chiedere la sospensione del Codice della Strada per eliminare il traffico: una proposta sbagliata e inutile, anzi dannosa. Quello che occorre per aprire i cantieri e velocizzare l’esecuzione delle opere è ben altro, come sindacato l’abbiamo, ripetuto più volte ma restiamo purtroppo inascoltati”. Lo dichiara il segretario generale della Filca-Cisl, Franco Turri, commentando le ultime dichiarazioni del presidente dell’Antitrust, Roberto Rustichelli. “A nostro avviso – spiega Turri – sarebbero tre gli interventi da attuare: in primis dotare le stazioni appaltanti di personale qualificato, di tecnici in grado di elaborare progetti efficaci. Il secondo intervento riguarda la garanzia della continuità del lavoro in caso di contenzioso. Infine chiediamo la riduzione dei tempi per l’approvazione e per l’esecuzione delle opere: oggi in media occorrono oltre 10 anni per realizzare un’opera, e un terzo di questo tempo è precedente all’apertura dei cantieri. Bisogna quindi ridurre i tempi, e lo si fa migliorando il Codice degli Appalti, non certo sospendendone l’efficacia. Semplificare senza ridurre le tutele è il primo passo per dotare il paese di un sistema infrastrutturale sicuro, moderno, competitivo”, conclude il segretario generale della Filca.